martedì 17 aprile 2018

Spaghetti con crema di fave e pecorino


Con l'arrivo della primavera arrivano anche le mie amate fave, quelle che non finirei mai di mangiare  crude con il pecorino.
Non vi nego che sgranare le fave per preparare questa ricetta non è stato facile, difficile scegliere se metterle in pentola o mangiarle, un po' come quando sgrano i piselli freschi ; non so resistere !!
Superata questa fase la ricetta è molto semplice, dopo aver cotto le fave  e aver tolto la loro buccia si mette tutto in un mixer e il gioco è fatto.
E' un piatto semplice ma molto sostanzioso e nutriente, dal sapore dolce e delicato caratterizzato poi dall' aggiunta del pecorino e del pepe fresco.

Ingredienti per 4 persone
400 gr. di spaghetti
600 gr. di fave (250 circa al netto )
3 cucchiai di panna fresca
20 gr. di pecorino grattugiato
olio evo q.b
sale 
pepe

Preparazione
Dopo aver sgranato le fave, cuocerle in acqua bollente leggermente salata e portare a cottura.
Quando saranno cotte, scolarle e metterle sotto il getto dell'acqua fredda.
Togliere la buccia e tenerle da parte.
Portare a bollore l'acqua che vi servirà per la pasta e nel frattempo preparare la crema di fave.
In un mixer frullare le fave con la panna e il pecorino, aggiungere dell'olio evo fino a raggiungere la consistenza di una crema , assaggiare e aggiustare di sale.
Mentre la pasta cuoce tenere da parte un po' dell'acqua di cottura che vi servirà eventualmente alla fine per rendere il piatto più cremoso.
Scolare la pasta e condire il tutto con la crema di fave spadellando per qualche secondo in una padella 
bassa e larga.
Se la pasta tenderà ad asciugarsi versare un  pochino dell' acqua di cottura ma senza esagerare.
Servire nei piatti e per ultimo spolverizzare con del pecorino e del pepe macinato fresco.
Facoltativo anche un giro di olio a crudo.

sabato 14 aprile 2018

Mele al forno ripiene


Le mele cotte al forno sono un alternativa molto deliziosa per gustare questo frutto e servirlo come dessert, potete sbizzarrirvi a farcirle come volete, veloci e molto facili da fare, perfette per chi non ha molta voglia da dedicare ai fornelli o vuole servire un dolce a fine pasto leggero e facilmente digeribile.
Quando sento parlare di mele cotte mi viene subito in mente la mia bisnonna che le preparava spesso e ovviamente in maniera molto  semplice e senza tanti fronzoli ;  oserei dire in versione light !  la mia invece è un alternativa decisamente più ricca e saporita, le ho profumate con della cannella e del brandy arricchite con frutta secca e amaretti per un risultato decisamente più goloso.
Per la cottura in forno le mele dovranno essere molto mature e non tanto grosse ( io ho usato delle meline ) come qualità le  Golden sono ideali.


Ingredienti per 6 mele
6 mele golden non tanto grosse
50 gr. di uvetta
30 gr. di amaretti
2 cucchiai di zucchero di canna
cannella in polvere
1 limone
brandy
granella di nocciole

Preparazione
Per prima cosa tagliare le calotte e tenerle da parte, con uno scavino  eliminare il torsolo delle mele e scavarle al loro interno togliendo la polpa. 
In una ciotola mettere la polpa tagliata a piccoli cubetti e irrrorarla con il succo del limone, aggiungere lo zucchero , l'uvetta e gli amaretti sbriciolati.
Amalgamare bene il tutto e bagnare con 2 cucchiai di brandy, in ultimo spolverizzare con della cannella a vostro piacimento .
Riempire in maniera generosa le mele con il composto e riporle in una pirofila bagnata leggermente con il brandy.
Spolverizzare la superficie delle mele con della granella di nocciole e coprirle con le loro rispettive calotte .
In ultimo prima di infornare spolverizzare con dello zucchero di canna tutte le mele e cuocere a 180° per circa 40/45 minuti o fino a quando risulteranno morbide e dorate.


sabato 24 marzo 2018

Gran minestrone


Una ricetta sana e genuina come sa essere il  minestrone, io che adoro tutte le zuppe e le minestre il minestrone rappresenta il comfort food invernale per eccellenza insieme a creme e vellutate, insomma una coccola in più che ti riscalda il cuore nelle fredde giornate d'inverno.
Nella vita così anche in cucina siamo abituati a scegliere la strada più semplice e veloce per mancanza di tempo e le famose buste surgelate vanno a gò gò , è vero fare il minestrone in casa richiede tempo e pazienza per la pulizia e il taglio delle verdure ma vi assicuro che farlo fresco non ha paragoni.
In tanti non amano mangiare le verdure a pezzetti quindi se preferite potete optare per la versione con le verdure frullate .
Perché " Gran minestrone " ?! perché oltre al gran numero di verdure è arricchito da orzo e farro che insieme alla patata formeranno una bella cremina e renderanno il vostro minestrone ancora più ricco e goloso ma se  non amate questi cereali potete sempre aggiungere in alternativa della pasta corta o del riso.


Ingredienti per circa 800 gr. di minestrone
1 porro
1/2 cipolla
2 carote
1 gambo di sedano
1patata
1 mazzetto di erbette
3 foglie di verza
100 gr. di piselli
100 gr. di fagioli borlotti
2 zucchine
250 gr. di zucca
2 pomodori
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
orzo 
farro
olio evo
sale
pepe


Preparazione
Per prima cosa procedere alla pulizia e al taglio delle verdure.
Affettare finemente la cipolla in 2 cucchiai di olio nella pentola che poi userete per cuocere il minestrone, aggiungere il sedano, la carota, il concentrato di pomodoro e far rosolare il tutto .
Aggiungere la zucca e le zucchine e far insaporire, in un secondo momento la patata e  piselli poi i fagioli.
Per ultimo le erbette , le foglie di verza che avrete tagliato a striscioline e i pomodori.
Aggiungere l'acqua fino a coprire tutte le verdure e cuocere con il coperchio.
Dopo 10 minuti versare l'orzo e il farro precedentemente sciacquati e continuare la cottura per circa 40 minuti.
Per quanto riguarda la dose di acqua da aggiungere potete variarla a seconda dei vostri gusti se preferite un minestrone più brodoso o più denso.
In alternativa se non volete l'orzo o il farro aggiungete il riso o della pasta corta come i tubetti.
Aggiustare di sale e servire nei piatti con un filo di olio a crudo una grattata di pepe fresco e del parmigiano reggiano



domenica 18 marzo 2018

Cicoria saltata in padella


Un contorno velocissimo, gustoso e sano, un piatto tipico della cucina romana anche se io ho apportato delle piccole modifiche .
Per cominciare vi dico che tutte quelle verdure che prevedono una cottura io non le lesso MAI !!
Con la bollitura in abbondante acqua andiamo a buttar via tutto ciò che di nutriente la verdura ci offre; così facendo andremo a mangiare solo fibra.
Nel mio frigorifero non manca mai del brodo vegetale rigorosamente fatto in casa e che conservo principalmente per la cottura delle verdure, in questo modo conserveremo tutte le loro proprietà.
La mia dieta è prevalentemente vegetariana, mangio tantissima verdura  e d'inverno faccio scorpacciate di cicoria un contorno saporito che si presta ad accompagnare piatti di pesce e di carne o 
semplicemente come faccio io mangiata come secondo accompagnata con delle fette di pane bruscato.

Ingredienti per 2 persone
500 gr. di cicoria
1 spicchio d'aglio
peperoncino ( facoltativo )
5/6 pomodorini ciliegino
1 mestolo di brodo vegetale
olio evo
sale

Preparazione
Dopo aver pulito la cicoria in una larga padella mettere 2 cucchiai di olio, lo spicchio d'aglio e del peperoncino tritato.
Mettere la cicoria cruda un mestolo di brodo e del sale, coprire con un coperchio e cucocere a fuoco moderato.
Quando la cicoria inizierà ad appassire aggiungere i pomodorini tagliati a metà e continuare la cottura sempre a fuoco medio.
Cuocere per circa 20 minuti fino a quando il fondo di cottura si sarà completamente asciugato.
Aggiustare di sale e condire con un filo di olio a crudo.